Malattie cardiache: perché la carne rossa aumenta il rischio?

malattie-cardiache-perche-la-carne-rossa-aumenta-il-rischio_3659[1]Mangiare molta carne, in particolare rossa, può far aumentare del 57% il rischio di malattie coronariche e cardiache. È quanto emerge da un nuovo studio revisionale condotto dal dottor Jacob Hunnicutt, insieme ai colleghi dell’Indiana University School of Public Health-Bloomington, Ka Lui e Pengcheng Xun, i cui risultati sono stati pubblicati sul Journal of Nutrition.

Ad essere sotto accusa è il ferro che nella carne rossa si trova in una forma chiamata “eme”.

La meta-analisi dei ricercatori IU  ha preso in esame 21 studi precedentemente pubblicati e i dati relativi a 292.454 partecipanti nel corso di una media di 10,2 anni di follow-up.

“L’associazione positiva osservata tra ferro eme e il rischio di malattia coronarica – scrivono gli studiosi – può essere spiegata con l’elevata biodisponibilità del ferro eme e il suo ruolo come fonte primaria di ferro nei partecipanti.

Il ferro eme viene assorbito a una velocità molto maggiore rispetto al ferro non eme: il 37% contro il 5%. Una volta assorbito, può contribuire quale catalizzatore nell’ossidazione delle LDL, causando un’infiammazione dannosa a carico dei tessuti, che è un potenziale fattore di rischio per la malattia coronarica”.

 

Fonte: informasalus

Annunci