L’asma allergica si combatte con frutta e verdura

Mangiare frutta e verdura diminuisce il rischio di asma allergica. A rivelarlo è uno studio condotto da un team di ricercatori del Centro Ospedaliero Universitario Vaudois di Losanna (Svizzera). La ricerca, recentemente pubblicata sulla rivista scientifica Nature Medicine avrebbe mostrato come le fibre fermentabili contenute in frutta e verdura siano in grado di ridurre l’infiammazione polmonare causata dagli allergeni degli acari della polvere.

images

 

 

Lo studio è stato effettuato su un gruppo di topi alimentati in modo differente. I risultati avrebbero evidenziato che quelli alimentati con mangime contenente solo lo 0,3% di fibre fermentabili mostravano una reazione allergica decisamente superiore ai topi alimentati con un quantitativo superiore (4%) di questi tipo di fibre. Gli scienziati spiegano che una volta arrivate nell’intestino le fibre subiscono la fermentazione ad opera dei batteri intestinali, i quali producono così acidi grassi a catena corta. Quest’ultimi, una volta entrati nel circolo sanguigno vengono trasportati fino al midollo osseo, dove poi influenzano lo sviluppo delle cellule dell’immunità. Quando avviene l’esposizione agli allergeni degli acari della polvere gli elementi che compongono il sistema immunitario viaggiano fino ai polmoni causando una risposta allergica minore rispetto a quella che si avrebbe in loro assenza.

aa

 

Dal momento che i meccanismi dell’immunità che entrano in gioco sono molto simili nell’uomo e nei topi gli scienziati si dicono fiduciosi che la stessa risposta allergica ridotta possa verificarsi anche nell’organismo umano.

I risultati della ricerca evidenziano come l’aumento dell’incidenza dell’asma allergica fatto registrare durante gli ultimi 50 anni potrebbe essere dovuto al fatto che le diete moderne sono spesso povere di frutta e verdura.

Secondo dati Coldiretti 1 bambino su 4 in Italia non consuma ortofrutta almeno una volta al giorno.

Fonte: Gut microbiota metabolism of dietary fiber influences allergic airway disease and hematopoiesis Aurélien Trompette, Eva S Gollwitzer, Koshika Yadava, Anke K Sichelstiel, Norbert Sprenger, Catherine Ngom-Bru,Carine Blanchard, Tobias Junt, Laurent P Nicod, Nicola L Harris & Benjamin J Marsland

Annunci