Nefropatici a dieta

20121213-155937.jpg

Nei pazienti con insufficienza renale grave e in attesa di dialisi il counselling nutrizionale intenso migliora l’aderenza alla dieta ipoproteica.

In uno studio condotto in Brasile sono stati inclusi pazienti adulti con un tasso stimato di filtrazione glomerulare (eGFR) <60 mL/min/1.73 m (2) in trattamento conservativo.

I pazienti sono stati randomizzati per ricevere una consulenza nutrizionale standard (incontro individuale con counselling sul programma della dieta: 6-0,75 g di proteine ​​/ kg / die o 0,6 e 0,8 g / kg / die per i pazienti affetti da diabete e da 25 a 35 kcal / kg / die con restrizione di sodio) o un counselling intenso di gruppo (con istruzioni specifiche sui nutrienti, sul contenuto di proteine e di sodio).

Entrambi i gruppi sono stati seguiti per mezzo di singole visite mensili per 4 mesi. Al termine degli incontri si è potuto dimostrare che il programma di counselling più intenso ha contribuito a ridurre ulteriormente l'assunzione di proteine da parte dei pazienti, al di là delle raccomandazioni ricevute.

Fonte: la nutrizione
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23194841 J Ren Nutr. 2012 Nov 27. pii: S1051-2276(12)00203-8. doi: 10.1053/j.jrn.2012.10.004. [Epub ahead of print]
Can Renal Nutrition Education Improve Adherence to a Low-Protein Diet in Patients With Stages 3 to 5 Chronic Kidney Disease?

Annunci