Broccoli e cavolfiori: il loro ruolo antitumorale…

Da tempo si pensa che le verdure classificate nel gruppo delle crucrucifere (broccoli, cavolfiori, cavoli, cavolini di Bruxelles e rape), abbiano un’azione protettiva nei confronti di diversi tumori, ma questa ipotesi è ancora aperta a discussione.

Per comprendere meglio il ruolo delle crucifere, alcuni ricercatori dell’Istituto Mario Negri – coordinati da Carlo La Vecchia, capo del dipartimento di epidemiologia – hanno analizzato i dati di una serie di studi condotti in Italia e in Svizzera. I risultati verranno pubblicati a breve sulla rivista scientifica Annals of Oncology.

La ricerca comprendeva diversi studi realizzati su più di 12 mila casi di cancro. Le informazioni relative a questi pazienti sono state confrontate con quelle di 11.000 soggetti di controllo, scelti tra pazienti ammessi nella stessa rete di ospedali per una serie di condizioni acute, non tumorali. Si è constatato che individui abituati a consumare almeno una volta alla settimana crucifere (rispetto a coloro che non ne consumavano affatto, o solo occasionalmente), avevano un rischio significativamente ridotto di sviluppare patologie tumorali.

La ricerca, effettuata su un’ampia serie di dati, fornisce ulteriore evidenza dell’effetto positivo di questa famiglia di vegetali contro vari tipi di tumore comune. L’effetto benefico delle crucifere può essere dovuto al loro alto contenuto di varie sostanze antiossidanti e vitamine, tra cui carotenoidi, polifenoli, vitamina C e folati. Inoltre, esse contengono elevate dosi di glucosinolati, i cui principali prodotti di degradazione (indoli e Isotiocianati) hanno proprietà anticancerogene, in particolare sui tumori del tratto digerente, fegato, polmone, mammella.

Fonte: Istituto Mario Negri

Annunci