News Celiachia

Celiachia, enzima aspergillo suggerisce trattamento
Una nuova prolil-endoproteasi derivante dall’Aspergillus niger è risultata in grado di degradare il glutine in un modello gastrointestinale: l’aggiunta di questo enzima ai pasti contenenti glutine potrebbe offrire ai pazienti la possibilità di abbandonare occasionalmente la propria stretta dieta priva di glutine.

E’ stato recentemente dimostrato che l’enzima è in grado di degradare peptidi di glutine e proteine di glutine intere con efficienza in vitro: il suo pH ottimale è simile a quello che si trova nello stomaco, e resiste alla degradazione con pepsina. In ultima analisi, saranno necessari studi clinici per determinare se l’integrazione orale dell’enzima sia in grado di eliminare completamente la tossicità da glutine. (Gut 2008; 57: 25-32)

 

Fonte ADI

Annunci